Dillo

chiacchiere condivise

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità più di 2 miliardi di persone soffrono di un qualche tipo di disabilità visiva.

Per questo motivo l'Istituto Braille ha fatto realizzare un font specifico pensato per coloro che hanno problemi alla vista.

Il font denominato Atkinson Hyperlegible è liberamente scaricabile da questo indirizzo:

https://brailleinstitute.org/freefont

Questo blog ha deciso di adottare questo particolare font per favorirne la lettura anche da parte di chi è ipovedente.

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.

Il litio è un metallo importantissimo nella produzione di batterie e più in generale strategico per la transizione ecologica che dovremo affrontare nei prossimi anni.

Stando ad un recente studio l'Italia è potenzialmente ricca di questo metallo, a dirlo è addirittura il CNR.

Stiamo parlando di studi preliminari e resta da capire come e dove effettivamente potrà essere economicamente sfruttato, ma resta una notizia di fondamentale importanza non solo per il nostro paese ma per l'Europa intera.

L'Unione Europea si è infatti posta come obiettivo quello di essere meno dipendente da risorse primarie provenienti dall'estero necessarie per lo sviluppo del continente stesso.

La crisi dei chip prima e quella oggi del gas hanno insegnato che è necessario svincolarsi da logiche economiche che vincolano il mercato rendendolo vulnerabile a crisi esterne.

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.

Leggere l'interessante articolo di Tecnologia Banale mi ha fatto ricordare quanto io sia una cattiva persona.

Da qualche mese infatti ho praticamente abbandonato il browser Firefox in favore di Brave.

E' stata una scelta non facile perché fin dai tempi antichi ho sempre utilizzato con piacere browser diversi da quelli più blasonati. Negli anni in cui Internet Explorer faceva il bello ed il cattivo tempo usavo Netscape Navigator, quando infine quest'ultimo è stato dismesso sono passato all'erede di casa Mozilla.

Come scrivevo ho recentemente dovuto cambiare browser per un semplice motivo, a parità di finestre aperte Firefox risultava molto più pesante in termini di RAM sul mio vecchio laptop rendendo la navigazione molto lenta.

In attesa che i volontari di Mozilla trovino una soluzione sono dovuto passare a Brave, pur avendo comunque alcuni rimorsi...

Per quale motivo?

Quello della scelta del browser è un problema che a molti potrebbe sembrare futile, ma in realtà non è banale in quanto il software con il quale possiamo esplorare il web influisce anche sull'accessibilità della rete stessa.

Chromium è il browser open source in pratica offerto da Google, su di esso si basano Chrome, Edge, Brave, Vivaldi etc...

Ciò rende di fatto Chromium lo standard di fatto per navigare in internet e spinge i siti web ad ottimizzarsi per meglio funzionare con esso.

Risultato?

Google è riuscita ad ottenere una grande influenza sullo sviluppo del web anche per questo motivo, una loro decisione sul futuro di Chromium ha immediate ripercussioni su come miliardi di individui accedono alla rete internet.

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.

Una delle notizie di questi giorni è che l'aumento delle temperature sta mettendo in difficoltà le mete turistiche invernali dell'Appennino a causa della mancanza di neve.

La sofferenza degli operatori turistici ha spinto gli enti locali a chiedere allo stato investimenti per mantenere la neve artificiale anche con temperature più alte rispetto a quanto sia oggi possibile.

Come giustamente fa notare Legambiente il ragionamento dovrebbe essere ben più profondo visto che i modelli climatici mostrano come il riscaldamento globale sia un processo ormai inevitabile.

Probabilmente ha più senso pensare a come rendere fruibile la montagna dell'Appennino 365 giorni l'anno considerando gli effetti gravi dell'aumento delle temperature piuttosto che investire in costosi impianti che potrebbero non essere sufficienti per mitigare l'impatto dell'aumento delle temperature dei prossimi decenni.

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.

Inizia il nuovo anno e quindi è il momento di pensare a ciò che mi piacerebbe fare nel 2023.

Molte delle attività online che nel (poco) tempo libero sto facendo coinvolgono il fediverso, mi pare quindi giusto fare il punto sulla situazione focalizzandomi su quelle attività che necessitano un minimo di costante presenza ed aggiornamento.

Diffondere consapevolezza sulla privacy

Getprivacy.it è un progetto nato meno di un anno fa con l'obiettivo condividere alcuni semplici suggerimenti per aumentare il proprio livello di privacy online. Ho intenzione di continuare a portarlo avanti perché penso che anche nel 2023 quello dei dati personali resterà uno dei temi caldi.

Orientarsi nel fediverso

Per coloro che arrivano da piattaforme centralizzate come Twitter, Facebook ed Instagram non è semplice capire come raccapezzarsi in un arcipelago decentralizzato come quello del fediverso composto da server interconnessi tra di loro ma anche separati.

Per questo motivo spero che fediverso.info possa continuare a rappresentare un porto sicuro per chi ha intenzione di orientarsi tra piattaforme e istanze italofone.

Un altro progetto sempre su questa falsariga è fedi.love, l'ultimo sito su cui ho lavorato e dove vorrei continuare a portare notizie, idee e suggerimenti che possano essere da spunto per meglio capire pregi (e se necessario anche difetti) della decentralizzazione.

___

P.S.: Questa è solo una lista di desideri, purtroppo non posso promettere nulla visto che l'anno è lungo e gli imprevisti sono sempre dietro l'angolo. Quello che posso dire è che cercherò di rispettarla per quanto possibile. 😉

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.

Recentemente ho letto con interesse questo articolo che pone l'accento su quanto i social ci abbiano cambiato e fatto diventare tutti ugualmente invisibili.

Cerchiamo di emergere con post accattivanti e polemiche per un effimero briciolo di notorietà ed infine ricadiamo nell'anonimo mare magnum di internet.

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.

Ok, non intendo i forum così come erano nei primi anni 2000, ma a qualcosa di decentralizzato ed indipendente in linea con i nostri tempi.

Ricordate quando bastava un dominio, un database Mysql ed un server Apache con php ed eri online con un forum da poter gestire in totale autonomia?

Se siete giovani probabilmente no, ma era così che nascevano le community un tempo.

E' stato solo con l'avvento dei social network che è nata l'illusione di un servizio che riunisse tutti quanti su una unica piattaforma nella quale poter discutere di qualsiasi argomento.

I social hanno svuotato le community indipendenti privandole di utenti e di fatto trasformandole in oggetti rari. Oggi i forum sono quasi spariti, come anche i newsgroup e le mailing list.

C'è però una opportunità che possiamo cogliere al volo, quella di tornare a creare delle piccole community indipendenti e decentralizzate grazie al Fediverso.

Non so se l'idea prenderà piede anche nel grande pubblico o resterà un sistema che verrà abbracciato solo da una nicchia di utenti, sono però convinto che sia necessario esplorare questa nuova possibilità.

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.

Il giorno di Natale è stato pubblicato sul blog della fondazione Matrix (che ha creato e mantiene aggiornato questo protocollo di messaggistica) un importante articolo che riassume il successo che ha avuto nel 2022.

Raddoppio degli utenti, adozione da parte di governi e nuove integrazioni con altri software.

Purtroppo però il team di sviluppo fa notare che la natura open source del progetto sta mettendo a rischio anche lo sviluppo del protocollo stesso.

Il fatto che Matrix possa essere installato e gestito direttamente e liberamente da enti pubblici e società senza sborsare nulla crea grosse difficoltà economiche per quanto riguarda il finanziamento del personale della fondazione che lavora sul core del protocollo.

In short: folks love the amazing decentralised encrypted comms utopia of Matrix. But organisations also love that they can use it without having to pay anyone to develop or maintain it. This is completely unsustainable, and Element is now literally unable to fund the entirety of the Matrix Foundation on behalf of everyone else – and has had to lay off some of the folks working on the core team as a result. (Fonte: Matrix Blog)

Questo è un tema ricorrente per chi sviluppa codice open source: se enti ed aziende decidono di utilizzare con profitto software libero e poi non lo supportano anche economicamente creano dei grossi problemi ai team di sviluppo.

Vi ricordo quanto successo solo lo scorso anno con la libreria Log4j utilizzatissima in ambito aziendale e che era mantenuta nel tempo libero da volontari visto che non riceveva fondi a sufficienza per avere un team di sviluppo dedicato. Risultato? La scoperta della vulnerabilità più critica e probabilmente grande degli ultimi 10 anni.

Certo, quello che ho appena fatto è un caso limite, però mostra quanto sia importante finanziare adeguatamente team di sviluppo di software che vengono adottati in ambito aziendale / statale.

Sicuramente lo standard libero ne favorisce l'adozione, ma deve anche esserci una sorta di “risarcimento” economico per chi lo ha sviluppato e reso disponibile gratuitamente...

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.

Su Twitter sono aumentati i discorsi d'odio e sono stati rimossi link ad enti di aiuto quando si ricercano temi legati alla violenza sessuale o di genere...

Mi domando come Twitter, ma più in generale questi colossi non possano rendersi conto della loro responsabilità sociale nei confronti dei loro stessi utenti.

Non pare anche a voi che ci sia qualcosa che non funziona?

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.

L'anno che sta per finire è stato ricco di avvenimenti che ci ricorderemo per un po' di tempo, mi sembra utile riportare alcuni di quelli che hanno caratterizzato questi dodici mesi.

Tecnologia

Mentre si continua a parlare sempre di più di metaverso abbiamo assistito all'acquisto di Twitter da parte di Elon Musk, un terremoto che ha scosso il famoso social network con tagli di personale, cambi di policy, retromarce ed esodi di utenti. Anche altre grandi realtà tecnologiche come Amazon hanno annunciato tagli alla propria forza lavorativa sulla scia di quanto fatto da Twitter. Per quanto riguarda invece il mondo delle criptovalute abbiamo assistito non solo ad un crollo di bitcoin (in dodici mesi ha perso più del 60% del suo valore), ma anche e di tutto il comparto alle cripto. La crisi degli NFT che solamente un anno fa erano sulla cresta dell'onda ed il disastro Terra Luna / Terra USD hanno contribuito a rendere questo 2022 l'annus horribilis delle cripto. Ultimo scandalo in ordine di tempo è stato quello di FTX culminato con la bancarotta della società e l'inizio delle indagini da parte delle autorità americane su quanto accaduto.

Esteri

La repressione del governo iraniano e la guerra in ucraina sono senza dubbio due dei fatti che ci accompagneranno ancora per molto. In particolare la guerra Russia-Ucraina da mesi sta catalizzando l'attenzione di tutto il mondo e causando serie ripercussioni anche in Europa con l'aumento del costo dell'energia.

Politica italiana

Sul fronte interno la crisi del governo Draghi e la vittoria di Giorgia Meloni alle elezioni politiche hanno contraddistinto il fronte interno di questo 2022.

Sanità

Dal punto di vista sanitario quest'anno invece verrà ricordato per la fine delle restrizioni legate al Covid-19 e l'inizio di una nuova fase in cui bisognerà convivere con il virus.

Uno sguardo al 2023

Molte sono le incognite per l'anno alle porte, vale la pena segnalarne alcune:

  • La guerra Russia-Ucraina continuerà e come impatterà nelle nostre economie?
  • L'inflazione che caricata dal costo dell'energia sta erodendo il potere di acquisto delle famiglie si ridurrà?
  • Le politiche mondiali nei confronti della crisi climatica avranno finalmente una svolta?

Questi sono solo alcuni dei temi di cui sentiremo parlare il prossimo anno.

💬 Invia i tuoi commenti taggando @prealpinux@mastodon.uno nel fediverso.